dicembre 2, 2016

Verona SI Muove

LIBERALI

Siamo per la tutela dei diritti civili e per le libertà individuali;

Siamo per il liberalismo economico e per la valorizzazione delle professionalità;

Siamo per l’introduzione del testamento biologico nel Comune di Verona;

Siamo per una maggiore trasparenza nella gestione delle aziende partecipate del Comune di Verona;

ECOLOGISTI

Siamo per l’implementazione del trasporto pubblico urbano e per l’incremento della ciclabilità cittadina attraverso la realizzazione di nuove piste ciclabili e ciclopedonabili;

Siamo per la realizzazione del filobus elettrico;

Siamo per la realizzazione del traforo delle torricelle;

SPORTIVI

Siamo per la promozione di corretti stili di vita basati sull’attività fisica e su una corretta alimentazione;

Siamo per la realizzazione di un “Piano Marshall” per l’impiantistica sportiva veronese;

Siamo per una incentivazione dell’attività sportiva per tutti.

 

dicembre 1, 2016

REFERENDUM E RIFORMA COSTITUZIONALE – Il Libro

Il principio democratico di semplificazione nella riforma della Costituzione

«Se si ha cura e amore per la democrazia, per le sue regole, per il buon funzionamento delle sue istituzioni, occorre ammettere che è necessario prodigarsi per una manutenzione costante di esse, per individuare i cambiamenti utili ad equilibri più efficienti e più avanzati, nel fondamentale presupposto che, tra le molte definizioni, per democrazia si debba intendere un sistema di regole che garantisca “il massimo di partecipazione, il massimo di decisione”». L’Autore

prof. avv. Pierluigi Mantini

Politecnico di Milano

novembre 1, 2016

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI IMMIGRATI E’ VERO?

PICCOLO PRONTUARIO PER UN RACCONTO SULL’IMMIGRAZIONE

http://www.radicali.it/primopiano/20160723/immigrazione-proposte-radicali

SIAMO DI FRONTE A UN’INVASIONE DI EXTRACOMUNITARI! 

Affermazione non vera!

Nell’Unione Europea, su oltre 500 milioni di residenti di ogni età nel 2015, solo il 7% è costituito da immigrati (35 milioni), mentre gli autoctoni sono la stragrande maggioranza (93%, pari a 473 milioni).

La quota di stranieri varia notevolmente trai paesi europei:

Spagna 10%

Germania 9%

Regno Unito 8%

Italia 8%

Francia 7%.

 

NON C’E’ LAVORO NEANCHE PER GLI ITALIANI, NON POSSIAMO ACCOGLIERE GLI IMMIGRATI!

Affermazione non vera!

Per mantenere sostanzialmente inalterata la popolazione italiana dei 15-64enni nel prossimo decennio, visto che tra il 2015 e il 2025 gli italiani diminuiranno di 1,8 milioni, è invece necessario un aumento degli immigrati di circa 1,6 milioni di persone. Si tratta di un fabbisogno indispensabile per compensare la riduzione della popolazione italiana in età lavorativa causata dalla diminuzione delle nascite, per salvaguardare l’attuale forza lavoro, per garantire l’attuale capacità produttiva del Paese e per rendere sostenibile il sistema previdenziale.

 GLI IMMIGRATI CI RUBANO IL LAVORO!

Affermazione non vera!

In Italia gli immigrati hanno quasi sempre controbilanciato la flessione del numero degli italiani e la modesta crescita complessiva della popolazione negli ultimi 10 anni (+4%) è stata resa possibile quasi esclusivamente dall’aumento del loro numero.

Agli immigrati sono riservati solo i lavori non qualificati, in gran parte rifiutati dagli italiani. Gli stranieri non riducono l’occupazione degli italiani, ma occupano progressivamente le posizioni meno qualificate abbandonate dagli autoctoni, soprattutto nei servizi alla persona, nelle costruzioni e in agricoltura (settori in cui il lavoro è prevalentemente manuale, più pesante, con remunerazioni modeste e con contratti non stabili.

 

GLI IMMIGRATI CI TOLGONO RISOLSE PER IL WELFARE!

Affermazione non vera!

I costi complessivi dell’immigrazione, tra welfare e settore sicurezza, sono inferiori al 2% della spesa pubblica.

Gli stranieri sono soprattutto contribuenti, infatti nel 2014 i loro contributi previdenziali hanno raggiunto quota 11miliardi, che equivalgono a 640mila pensioni italiane.

 

I RIFUGIATI IN EUROPA SONO TROPPI!

Affermazione  non vera!

Dei 16 milioni complessivi solo 1,3 milioni sono in Europa (8,3%), in Italia 118mila (0.7%).

I paesi che ospitano il maggior numero di rifugiati sono nel 2015:

Turchia 2,5milioni

Pakistan 1,6milioni

Libano 1,1 milioni

Giordania 664mila.

Gli arrivi complessivi per mare in Italia sono stati 170mila nel 2014, 154mila nel 2015 e nel 2016 sono stimati 160.000 circa.

 I RIFUGIATI SONO OSPITATI NEGLI ALBERGHI A 4 STELLE!

Affermazione non vera!

I centri di accoglienza straordinaria (CAS) sono strutture temporanee cui il Ministero dell’interno ha fatto ricorso, a partire dal 2014. Le prefetture insieme alle regioni e agli enti locali, cercano ulteriori posti di accoglienza nei singoli territori regionali e quando non li trovano si rivolgono anche a strutture alberghiere o di altra natura.

Si tratta di una gestione straordinaria ed emergenziale improvvisata e spesso non conforme agli standard minimi di accoglienza.

 

I MIGRANTI PRENDONO 35 EURO AL GIORNO!

Affermazione non vera!

Il costo medio per l’accoglienza di un richiedente asilo (rifugiato) è di 35 euro al giorno (45 per un minore) che non finiscono in tasca ai migranti, ma vengono erogati agli enti gestori dei centri di accoglienza; solo 2,5 euro al giorno vanno in tasca